Il Cile pro-vita resiste: oltre 10mila in piazza contro l’aborto

(su Notizie ProVita) L’aborto è l’omicidio di un essere umano innocente ed indifeso. Consentirlo anche solo per pochi casi limitati ed estremi è sempre sbagliato.

Ed oltretutto apre le porte ad ogni abuso. Presto o tardi, infatti, de jure o de facto, si arriva a una totale “liberalizzazione”, per qualsiasi motivo.

Ecco perché in Cile – dove ancora vige il divieto assoluto di aborto a seguito di uno degli ultimi provvedimenti legislativi del governo Pinochet (settembre 1989) – è adesso che i difensori della vita devono battersi strenuamente e senza complessi. Fortunatamente è quanto stanno facendo.

La settimana scorsa il Congresso cileno ha dato il suo via libera alla depenalizzazione dell’aborto, seppur limitatamente a tre casi (pericolo di vita per la madre, stupro e malformazione del feto). Un provvedimento, questo, che, se venisse approvato definitivamente dal Senato, sarebbe deleterio sotto ogni punto di vista.


Sostieni la Marcia per la Vita

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €10,00

La reazione però non si è fatta attendere ed è stata davvero impressionante. In soli pochissimi giorni, l’associazione Siempre por la Vida, insieme ad altre realtà del mondo pro-life cileno, è riuscita a portare in piazza, davanti al palazzo presidenziale della Moneda, oltre 10mila persone.

E così ieri, 21 marzo, davanti al luogo di lavoro della presidente socialista Michelle Bachelet, che ha voluto la legge, sono risuonate le voci festanti e combattive di un popolo prevalentemente giovanile che non si arrende alla cultura della morte.

I manifestanti sono stati attaccati e disturbati da uno sparuto gruppo di militanti abortisti, ma hanno saputo rispondere con la calma e la tranquillità di chi, forte delle sue idee e della ragionevolezza della sua battaglia, resta pacifico.


Sostieni la Marcia per la Vita

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €10,00

Donne e bambini non vanno lasciati soli (No los dejaremos solos), hanno detto gli organizzatori della manifestazione. L’aborto non è mai una soluzione, ma un dramma tanto per il bambino ucciso quanto per la madre. Anche di fronte a casi pietosi, l’unica risposta è tutelare la vita dell’innocente.

L’esempio del Cile e del Perù servono da sprone anche per noi italiani. Ricordiamo l’appuntamento a Roma, il prossimo 8 maggio, per la sesta edizione della marcia per la Vita.